domenica 14 novembre 2010

Indovina chi viene a cena …

Riccardo e Chiara sono SEMPRE graditi ospiti, perché oltre ad essere amici veramente deliziosi, mangiano ogni volta tutto senza fiatare! Scherzo ovviamente, a loro dire l’invito mio e della mia dolce metà è un’occasione per “mangiare bene”, e riporto a questo proposito, per correttezza, le parole di Ricky mentre si gusta i miei riuscitissimi cornetti salati:”Io te lo dico che dovresti aprire un ristorante, ma tu non mi dai retta!” e Chiara che, a fine cena, mima gesticolando con le mani il famoso motto:”Cotto e mangiato!”. Esageraaaaaaaati!!!! Beh, comunque, quale soddisfazione migliore?
Questo il menù della serata di ieri:
Cornetti salati
Prosciutto crudo, porcini e grana
Arrosto di tacchino, patate e insalatina
Delirio di cioccolato (ricetta dal blog di
Mollicadipane, non ho saputo resistere!) servito su uno specchio di crema pasticcera


Vorrei approfondire l’argomento antipasti. Ho sottratto la ricetta dei cornetti salati al blog deliziandoincucina ed è stata una rivelazione. Friabili, delicati e sfiziosissimi, una vera bontà! Non li consiglio se programmate di preparare primo e secondo piatto poiché sono piuttosto corposi e rischiate di appesantire troppo i vostri commensali e di trovarli tutti addormentati sulla tavola! Io li ho infatti affiancati ad un po’ di crudo e sono poi passata direttamente al secondo. Si preparano così:

Ingredienti:


150 gr di farina integrale
100 gr di farina 00
125 gr burro
Un vasetto di yogurt bianco
1/2 bustina di lievito per torte salate
1 cucchiaino di sale
Prosciutto cotto a fette 150 gr
Qualche fetta di groviera
Semi di papavero
Olio extra-vergine d'oliva

Impastate le due farine con il burro, aggiungete poi lo yogurt, il sale e il lievito e continuate a lavorare finché non vi troverete tra le mani una pallina liscia e lucida. Dividete la pallina in 3 pezzi e formate con questi 3 palline che andrete a stendere con il mattarello chiedendo ogni tanto aiuto alla farina affinché la pasta non si attacchi né al mattarello né al piano di lavoro. Le 3 palline si trasformeranno così in 3 cerchi di spessore di circa 2/3 millimetri. Con una rondella dividete in 8 spicchi i cerchi, posate sulla parte più larga dello spicchio un po’ di prosciutto e un pezzetto di groviera e andate ad arrotolare partendo sempre dalla parte più larga per ricavare dei croissant. Posizionate i cornetti sulla placca del forno ricoperta di carta oleata, spennellate con l’olio extra vergine e spolverate con i semi di papavero. I cornetti cuociono in circa 20 minuti a 180°.

I miei consigli:
utilizzate prosciutto cotto a fette e di buona qualità (io ho usato il Ferrarini), la differenza si sente eccome, assicurato!
Nel forno i cornetti non si gonfiano quindi potete avvicinarli ben bene senza rischiare che si attacchino tra di loro, e fare una infornata sola.
Serviteli ancora tiepidi, i vostri ospiti si leccheranno i baffi :-)


Per quanto riguarda la tavola, vi posto una foto piccola piccola perché devo ancora attrezzarmi per dei servizi di qualità accettabile (ma ci sto lavorando!), per il momento accontentiamoci di questa ;-)
Degni di nota sono i due runner che ho steso trasversalmente sul tavolo. Sono in lino (un materiale nobile, secondo il mio parere, ci vado matta!) e li ho acquistati in Finlandia durante l’ultima vacanza estiva – lì questo tessuto è reperibile ovunque, viene molto utilizzato e proposto spesso nella sua natura più ruvida e grezza. I tovaglioli sono in cotone, classicamente quadrettati, di un colore naturale che si sposa perfettamente con quello dei runner.  Il servizio di piatti è in stile inglese, di colore blu, e anche questo ha una bella storia, che racconterò prossimamente :)

Per Chiara e Ricky: non dovete farmi così tanti complimenti, altrimenti vi invito di nuovo, ih, ih,ih!

P.S. Con il prossimo post inizierà la storia della mia casetta, una storia fatta di sforzi, sacrifici, ricerche, tante tante soddisfazioni. E molto deve essere ancora fatto …



Nessun commento:

Posta un commento